Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator
 

Public diplomacyProve di dialogo

03/28/2021
La Cina chiede agli USA di abbandonare la mentalità da Guerra Fredda e di costruire insieme un nuovo tipo di relazioni internazionali garantendo equità, giustizia e rispetto reciproco

Ecco la traduzione provvisoria (soggetta a revisione) delle osservazioni introduttive svolte dal Segretario di Stato Antony Blinken, dal Consigliere per la Sicurezza Nazionale Jake Sullivan, dal Direttore Yang Jiechi e dal Consigliere di Stato Wang Yi durante l’apertura del vertice Usa-Cina svoltosi ad Achorage (Alaska) il 18 marzo 2021.

https://www.c-span.org/video/?510091-1/secretary-blinken-chinese-foreign-minister-clash-meeting-anchorage-alaska

SEGRETARIO BLINKEN: Sono appena tornato da un incontro con il Segretario alla Difesa Austin e le nostre controparti in Giappone e Repubblica di Corea, due dei più stretti alleati. Erano molto interessati alle discussioni che avremo qui oggi e domani perché le questioni che solleveremo sono rilevanti non solo per la Cina e gli Stati Uniti, ma per altri nella regione e in effetti per tutto il mondo. La nostra amministrazione è impegnata a guidare attraverso la diplomazia la promozione degli interessi degli Stati Uniti e il rafforzamento dell’ordine internazionale basato su regole. Quel sistema non è un’astrazione. Aiuta i paesi a risolvere pacificamente le differenze, a coordinare efficacemente gli sforzi multilaterali e a partecipare al commercio globale con la certezza che tutti seguono le stesse regole. L’alternativa… sarebbe un mondo molto più violento e instabile per tutti noi. Oggi avremo l’opportunità di discutere le priorità, sia interne che globali, in modo che la Cina possa comprendere meglio le intenzioni e l’approccio della nostra amministrazione. Discuteremo anche le nostre profonde preoccupazioni per le azioni della Cina, tra cui quelle nello Xinjiang, Hong Kong, Taiwan, gli attacchi informatici agli Stati Uniti e la coercizione economica nei confronti dei nostri alleati. Ciascuna di queste azioni minaccia l’ordine basato su regole che mantiene la stabilità globale. Questo è il motivo per cui non sono solo questioni interne e perché ci sentiamo in obbligo di sollevare questi problemi qui oggi. Ho detto che la relazione degli Stati Uniti con la Cina sarà competitiva dove dovrebbe essere, collaborativa dove può essere, contraddittoria dove deve essere. Il nostro intento è… un rapporto più chiaro tra i nostri paesi così da andare avanti.

CONSIGLIERE NAZIONALE PER LA SICUREZZA SULLIVAN: Siamo particolarmente orgogliosi del lavoro che abbiamo svolto per rivitalizzare le nostre alleanze e partnership, fondamento della nostra politica estera. Proprio la scorsa settimana, il presidente Biden ha ospitato il vertice dei leader del Quad che ha parlato dello spirito can-do delle democrazie mondiali e si è impegnato a realizzare la visione di un Indo-Pacifico libero e aperto. È attraverso partenariati come queste che tutti noi possiamo offrire progresso e prosperità ai nostri popoli. Il segretario Blinken ha illustrato molte delle aree di preoccupazione, dalla coercizione economica e militare agli attacchi ai valori fondamentali, che discuteremo con voi oggi e nei giorni a venire. Lo faremo francamente, direttamente e con chiarezza. Queste sono le preoccupazioni che sono nelle menti del popolo americano, e non solo. Abbiamo sentito ognuna di queste preoccupazioni sollevate da tutto il mondo, dai nostri alleati e partner e alla più ampia comunità internazionale durante le intense consultazioni che abbiamo intrapreso negli ultimi due mesi. Oggi chiariremo che la nostra priorità assoluta da parte degli Stati Uniti è garantire che il nostro approccio nel mondo e il nostro approccio alla Cina avvantaggi il popolo americano e protegga gli interessi dei nostri alleati e partner. Non cerchiamo il conflitto, ma accogliamo con favore una forte concorrenza e difenderemo sempre i nostri principi, il nostro popolo e i nostri amici.

DIRETTORE YANG:  il Consigliere di Stato e Ministro degli Esteri Wang Yi ed io siamo venuti ad Anchorage, negli Stati Uniti, per avere questo dialogo strategico con gli Stati Uniti. Ci auguriamo che questo dialogo sia sincero e schietto. Sia la Cina che gli Stati Uniti sono i principali paesi del mondo e insieme ci assumiamo importanti responsabilità per la pace, la stabilità e lo sviluppo del mondo e della regione. Per la Cina, siamo ora in un anno storico in cui passeremo dal finire l’obiettivo del primo centenario al traguardo del secondo centenario, ed entro il 2035 la Cina raggiungerà sicuramente la modernizzazione di base. Entro il 2050 la Cina raggiungerà la piena modernizzazione. La Cina ha ottenuto risultati decisivi e importanti guadagni strategici nella lotta contro il COVID-19 e abbiamo ottenuto una piena vittoria nel porre fine alla povertà assoluta in Cina. Il PIL pro capite della Cina è solo un sesto di quello degli Stati Uniti, ma siamo riusciti a porre fine alla povertà assoluta per tutte le persone in Cina. E speriamo che altri paesi, in particolare i paesi avanzati, compiano sforzi simili in questo senso. E la Cina ha anche ottenuto risultati storici costruendo un paese moderatamente prospero sotto tutti gli aspetti. Il popolo cinese è stretto intorno al Partito Comunista Cinese. I nostri valori sono gli stessi dei valori comuni dell’umanità: pace, sviluppo, equità, giustizia, libertà e democrazia. Ciò che la Cina e la comunità internazionale seguono o sostengono è il sistema internazionale incentrato sulle Nazioni Unite e l’ordine internazionale sostenuto dal diritto internazionale, non ciò che è sostenuto da un piccolo numero di paesi del cosiddetto ordine internazionale “basato su regole”. E gli Stati Uniti hanno il loro stile – la democrazia in stile statunitense – e la Cina ha la democrazia in stile cinese. Non spetta solo al popolo americano, ma anche al popolo del mondo valutare come hanno fatto gli Stati Uniti nel promuovere la propria democrazia.

Nel caso della Cina, dopo decenni di riforme e di apertura, abbiamo fatto molta strada in vari campi. In particolare, ci siamo impegnati in sforzi instancabili per contribuire alla pace e allo sviluppo del mondo e per sostenere gli scopi dei principi della Carta delle Nazioni Unite. Le guerre in questo mondo sono lanciate da altri paesi, il che ha provocato enormi vittime. Ma per la Cina quello che abbiamo chiesto, e per altri paesi, è seguire un percorso di sviluppo pacifico, e questo è lo scopo della nostra politica estera. Non crediamo nell’invasione attraverso l’uso della forza, o nel rovesciare altri regimi con vari mezzi, o nel massacrare le persone di altri paesi, perché tutto ciò causerebbe solo disordini e instabilità in questo mondo. E alla fine, questo non sarebbe un bene per gli Stati Uniti. Quindi crediamo che sia importante che gli Stati Uniti cambino la propria immagine e smettano di promuovere la propria democrazia nel resto del mondo. Molte persone negli Stati Uniti hanno in realtà poca fiducia nella democrazia degli Stati Uniti e hanno diversi punti di vista riguardo al governo degli Stati Uniti. In Cina, secondo i sondaggi d’opinione, i leader cinesi hanno l’ampio sostegno del popolo cinese. I sondaggi d’opinione condotti negli Stati Uniti mostrano che i leader della Cina hanno il sostegno del popolo cinese. Nessun tentativo di diffamare il sistema sociale cinese andrebbe da nessuna parte. I fatti hanno dimostrato che tali pratiche porterebbero solo il popolo cinese a radunarsi più strettamente attorno al Partito Comunista Cinese e lavorare costantemente verso gli obiettivi che ci siamo prefissati. Nel 1952, la Cina ha adottato il suo primo piano di sviluppo quinquennale e ora siamo nel primo anno del quattordicesimo piano di sviluppo quinquennale. Continueremo su questa strada, passo dopo passo. Lo sviluppo della Cina non consiste solo nel fornire vantaggi al popolo cinese, ma anche nel contribuire allo sviluppo del mondo nel 21° secolo. La Cina e gli Stati Uniti sono entrambi grandi paesi ed entrambi si assumono importanti responsabilità. Dobbiamo entrambi contribuire alla pace, alla stabilità e allo sviluppo del mondo in aree come COVID-19, ripristinando le attività economiche nel mondo e rispondendo ai cambiamenti climatici. Ci sono molte cose che possiamo fare insieme e dove convergono i nostri interessi. Quindi quello che dobbiamo fare è abbandonare la mentalità della Guerra Fredda e l’approccio del gioco a somma zero. Dobbiamo cambiare il modo in cui pensiamo e assicurarci che in questo secolo, il 21° secolo, i paesi grandi o piccoli, in particolare i grandi paesi, si uniscano per contribuire al futuro dell’umanità e costruire una comunità per un futuro condiviso per l’umanità . È anche importante che tutti noi ci uniamo per costruire un nuovo tipo di relazioni internazionali, garantendo equità, giustizia e rispetto reciproco. E su alcune questioni regionali, penso che il problema sia che gli Stati Uniti hanno esercitato longarm jurisdiction and suppression (giurisdizione illimitata e repressione) e hanno messo a dura prova la sicurezza nazionale attraverso l’uso della forza o dell’egemonia finanziaria, e questo ha creato ostacoli per le normali attività commerciali, e gli Stati Uniti Gli Stati hanno anche persuaso alcuni paesi a lanciare attacchi contro la Cina. E per quanto riguarda la Cina, crediamo e abbiamo gestito le questioni relative all’importazione e all’esportazione secondo standard scientifici e tecnologici. Il segretario Blinken, ha detto di essere appena tornato dal Giappone e dalla Corea del Sud. Questi due paesi sono il secondo e il terzo partner commerciale della Cina. L’ASEAN è ora diventato il principale partner commerciale della Cina, superando l’Unione europea e gli Stati Uniti. Quindi speriamo che gli Stati Uniti sviluppino solide relazioni con tutti i paesi dell’Asia-Pacifico. Dovremmo avere molti amici comuni. Questa è la strada giusta nel 21° secolo. Alla vigilia del capodanno lunare cinese, il presidente Xi Jinping e il presidente Joe Biden hanno avuto una conversazione telefonica. I due presidenti hanno deciso di intensificare la comunicazione, gestire le differenze e ampliare la cooperazione tra i nostri due paesi. Oggi abbiamo questo dialogo per dare seguito all’intesa comune raggiunta dai due presidenti durante la loro conversazione telefonica. E avere questo dialogo è, infatti, una decisione presa dai due presidenti. Quindi le persone dei due paesi e del mondo sperano di vedere risultati concreti uscire dal nostro dialogo. Xinjiang, Tibet e Taiwan sono una parte inalienabile del territorio cinese. La Cina è fermamente contraria all’interferenza degli Stati Uniti negli affari interni della Cina. Abbiamo espresso la nostra ferma opposizione a tale interferenza e in risposta adotteremo misure risolute. Per quanto riguarda i diritti umani, speriamo che gli Stati Uniti faranno meglio in materia di diritti umani. La Cina ha compiuto progressi costanti nei diritti umani e il fatto è che ci sono molti problemi negli Stati Uniti per quanto riguarda i diritti umani, cosa che è ammessa anche dagli Stati Uniti stessi. Gli Stati Uniti hanno anche affermato che i paesi non possono fare affidamento sulla forza nel mondo di oggi per risolvere le sfide che dobbiamo affrontare. Ed è un fallimento nell’usare vari mezzi per rovesciare i cosiddetti stati “autoritari”. E le sfide che gli Stati Uniti devono affrontare in materia di diritti umani sono profonde. Non sono emerse solo negli ultimi quattro anni, come Black Lives Matter. Non sono emerse recentemente. Quindi speriamo che per i nostri due paesi sia importante gestire bene i nostri rispettivi affari invece di deviare la colpa su qualcun altro in questo mondo. E per la Cina, gestiremo bene i nostri affari e speriamo di offrire una vita migliore ai nostri 1,4 miliardi di cinesi. Questo è l’obiettivo della diplomazia cinese. Inoltre, daremo il nostro contributo alla pace e alla stabilità del mondo. Da quando abbiamo rotto il ghiaccio tra i nostri due paesi nel nostro impegno diversi decenni fa, la Cina e gli Stati Uniti hanno ottenuto molto insieme. Questo è il risultato degli sforzi concertati delle persone con una visione di entrambi i paesi e questo passato fa parte dei nostri risultati. Sebbene così tanto sia cambiato in questo mondo, è importante che i nostri due paesi pensino a come possiamo lavorare insieme ed espandere la nostra cooperazione nelle nuove circostanze. Se c’è concorrenza tra i nostri due paesi, penso che la competizione si concentri sull’aspetto economico, e in questo settore, come ho appena detto, per le frizioni nel nostro reciproco impegno economico, è importante rispondere ad esse in modo razionale e cercare risultati vantaggiosi per tutti. Il commercio ha già ottenuto molto e dovremmo fare ancora meglio. La stragrande maggioranza delle imprese americane in Cina ha affermato che l’ambiente imprenditoriale cinese è buono e nessuno le ha costrette a rimanere in Cina. Vedono un profitto derivante dalla loro presenza in Cina e vedono immense opportunità in Cina. Ecco perché restano in Cina. E credo che per i nostri due paesi, nelle nuove circostanze, dobbiamo migliorare la comunicazione, gestire adeguatamente le nostre differenze ed espandere la nostra cooperazione invece di impegnarci nel confronto. Tra i nostri due paesi abbiamo avuto uno scontro in passato e il risultato non ha servito bene agli Stati Uniti. Cosa hanno guadagnato gli Stati Uniti da quel confronto? Non ho visto risultati e gli unici sono stati i danni arrecati agli Stati Uniti. E la Cina ce la farà e ha superato tale confronto. Quindi il modo in cui vediamo il rapporto con gli Stati Uniti è, come ha detto il presidente Xi Jinping: cioè, speriamo di non vedere alcun confronto, nessun conflitto, rispetto reciproco e cooperazione vantaggiosa per tutti con gli Stati Uniti. E in effetti, durante la telefonata tra i presidenti, lo stesso presidente Biden ha parlato anche dell’importanza di non avere conflitti o confronti tra i nostri due paesi. Quindi, per noi, penso che sia vitale che facciamo tutto il possibile per seguire e attuare pienamente e fedelmente le intese raggiunte tra i nostri due presidenti e riportare la Cina e gli Stati Uniti a una relazione che cresca costantemente. Sugli attacchi informatici, lasciatemi dire che sia che si tratti della capacità di lanciare attacchi informatici o delle tecnologie che potrebbero essere implementate, gli Stati Uniti sono i campioni in questo senso. Non potete dare la colpa di questo problema a qualcun altro. Né gli Stati Uniti né il mondo occidentale rappresentano l’opinione pubblica internazionale. Sia dal punto di vista  del numero di popolazione che dall’andamento del mondo, il mondo occidentale non rappresenta l’opinione pubblica globale. Gli Stati Uniti non rappresentano il mondo. Rappresentano solo il governo degli Stati Uniti. Non credo che la stragrande maggioranza dei paesi del mondo riconoscerebbe che i valori universali sostenuti dagli Stati Uniti o che l’opinione degli Stati Uniti potrebbero rappresentare l’opinione pubblica internazionale, e quei paesi non riconoscerebbero che le regole stabilite da un un piccolo numero di persone servirebbe come base per l’ordine internazionale.

CONSIGLIERE DI STATO WANG: Segretario Blinken, NSA Sullivan, siete coinvolti nelle relazioni con la Cina da molti anni, e siete veri amici del popolo cinese. E direi che sono lieto di incontrarvi oggi, e la Cina – la delegazione cinese – è qui su invito degli Stati Uniti. E la Cina certamente in passato non l’ha fatto e in futuro non accetterà le accuse ingiustificate da parte degli Stati Uniti. Negli ultimi anni, i diritti e gli interessi legittimi della Cina sono stati oggetto di totale soppressione (have come under outright suppression), facendo precipitare la relazione in un periodo di difficoltà senza precedenti. Ciò ha danneggiato gli interessi dei nostri due popoli e ha messo a dura prova la stabilità e lo sviluppo del mondo, e questa situazione non deve continuare. La Cina esorta gli Stati Uniti ad abbandonare completamente la pratica egemonica di interferire intenzionalmente negli affari interni della Cina. Questo è un problema di vecchia data e dovrebbe essere cambiato. È tempo che cambi. E in particolare, il 17 marzo, gli Stati Uniti hanno intensificato le cosiddette sanzioni alla Cina nei confronti di Hong Kong, e il popolo cinese è indignato da questa grave ingerenza negli affari interni della Cina e la parte cinese è fermamente contraria. … l’altro giorno, prima della nostra partenza, gli Stati Uniti hanno approvato nuove sanzioni. Questo non dovrebbe essere il modo in cui si accoglie un ospite, e ci chiediamo se questa sia una decisione presa dagli Stati Uniti per cercare di ottenere qualche vantaggio nei rapporti con la Cina, ma certamente questo è calcolato male e riflette solo la vulnerabilità e la debolezza all’interno degli Stati Uniti. E questo non scuoterà la posizione della Cina né risolverà questi problemi. E lasciatemi anche dire che la conversazione telefonica che il presidente Xi Jinping e il presidente Biden hanno avuto alla vigilia del capodanno cinese è molto importante e durante questa conversazione telefonica hanno concordato alcune intese comuni che ci hanno indicato la via da seguire per riportare la relazione Cina-Stati Uniti sulla strada giusta. E la comunità internazionale sta seguendo molto da vicino il nostro dialogo di oggi e di domani. Stanno osservando se le nostre due parti dimostreranno ciascuna buona volontà e sincerità, e stanno osservando se questo dialogo invierà un segnale positivo al mondo.

SEGRETARIO BLINKEN: Devo dirvelo, nel mio breve periodo come Segretario di Stato, ho parlato con quasi un centinaio di omologhi in tutto il mondo, e ho appena fatto il mio primo viaggio, come detto, in Giappone e Corea del Sud. Devo dirlo, quello che sento è molto diverso da quello che avete descritto. Sento profonda soddisfazione per il ritorno degli Stati Uniti, per il nostro nuovo impegno con i nostri alleati e partner. Sento anche profonda preoccupazione per alcune delle azioni intraprese dal suo governo e avremo l’opportunità di discuterne quando ci metteremo al lavoro. Un segno distintivo della nostra leadership, del nostro impegno nel mondo sono le nostre alleanze e le nostre partnership che sono state costruite su base totalmente volontaria. Ed è qualcosa che il presidente Biden si impegna a rinvigorire. E c’è un altro segno distintivo della nostra leadership qui a casa, e questa è una costante ricerca, come diciamo noi, per formare un’unione più perfetta. E quella ricerca, per definizione, riconosce le nostre imperfezioni, riconosce che non siamo perfetti, commettiamo errori, abbiamo rovesci, facciamo passi indietro. Ma quello che abbiamo fatto nel corso della nostra storia è affrontare queste sfide apertamente, pubblicamente, in modo trasparente, non cercando di ignorarle, non cercando di fingere che non esistano, non cercando di nasconderle sotto un tappeto. E a volte è doloroso, a volte è brutto, ma ogni volta ne siamo usciti più forti, migliori, più uniti come paese. Ricordo bene quando il presidente Biden era vicepresidente e stavamo visitando la Cina. Questo è stato sulla scia della crisi finanziaria. Ci furono molte discussioni allora, anche con l’allora vicepresidente Xi Jinping. E il vicepresidente Biden all’epoca disse che non è mai una buona scommessa scommettere contro l’America, ed è vero oggi.

NSA Sullivan: L’altro ingrediente segreto dell’America è che il nostro popolo è un popolo che risolve i problemi e crediamo di risolverli meglio quando lavoriamo insieme ad alleati e partner in tutto il mondo. Solo un paio di settimane fa, gli Stati Uniti hanno fatto atterrare un altro rover su Marte, e non era solo un progetto americano. Aveva tecnologia da più paesi dell’Europa e di altre parti del mondo. Lascerà anche una raccolta di materiale per Marte: gli Stati Uniti e l’Europa costruiranno un dispositivo in grado di volare lì per raccoglierlo e riportarlo indietro. Questo è ciò che può essere realizzato da un paese che si reinventa costantemente, lavora a stretto contatto con gli altri e cerca costantemente di produrre il tipo di progresso che avvantaggia tutti noi, ed è radicato in un concetto di dignità umana e diritti umani che è veramente universale a cui ogni uomo, donna e bambino in questo mondo aspira. Quindi non si tratta di lezioni o dichiarazioni lunghe e tortuose; è l’occasione per noi di spiegare da dove veniamo, di sentire da dove venite e di indicare, in fondo, quali sono i nostri principi, le nostre priorità e le nostre strategie a lungo termine.

DIRETTORE YANG: Abbiamo pensato che gli Stati Uniti seguissero i necessari protocolli diplomatici. Quindi per la Cina era necessario chiarire la nostra posizione. Quindi lasciatemi dire qui che gli Stati Uniti non hanno la qualifica per dire che vogliono parlare alla Cina da una posizione di forza. La parte americana non era nemmeno qualificata per dire cose del genere nemmeno 20 o 30 anni fa, e questo non è il modo di trattare con il popolo cinese. Se gli Stati Uniti vogliono trattare adeguatamente con la parte cinese, allora seguiamo i protocolli necessari e facciamo le cose nel modo giusto. La cooperazione avvantaggia entrambe le parti: questa è l’aspettativa delle persone del mondo. Ebbene, il popolo americano è certamente un grande popolo, ma lo sono anche i cinesi. Il popolo cinese non ha forse sofferto abbastanza in passato per via degli Stati esteri? Ebbene, fintanto che il sistema cinese è corretto grazie alla saggezza del popolo cinese, non c’è modo di strangolare la Cina. La storia dimostra  che uno può solo causare danni a se stesso se vuole strangolare o sopprimere il popolo cinese. Mentre gli Stati Uniti hanno parlato della loro cooperazione per atterrare su un altro pianeta con la parte europea, beh, la Cina sarebbe lieta se ci fosse la volontà di portare avanti una cooperazione simile con noi dagli Stati Uniti.

CONSIGLIERE DI STATO WANG: Segretario Blinken, lei ha menzionato che durante la recente visita, i due paesi che ha visitato hanno denunciato la coercizione dalla Cina. Non sappiamo se si tratta di un reclamo diretto proveniente dai paesi che ha visitato o è solo l’opinione degli Stati Uniti. In queste relazioni, ognuno ha la propria serie di problemi e sono coinvolte posizioni diverse. Quindi accusare la Cina di coercizione prima ancora di condividere le informazioni rilevanti con la Cina, è questo l’atto giusto da fare? Ovviamente no. Se gli Stati Uniti protestassero indiscriminatamente e parlassero a nome di quei paesi solo perché sono suoi alleati o partner, allora sarà molto difficile per le relazioni internazionali svilupparsi adeguatamente. Non pensiamo si debba essere così irascibili da accusare qualche altro paese di coercizione. Chi sta esercitando coercizione su chi? Penso che la storia e la comunità internazionale giungeranno alle proprie conclusioni. Ma se gli Stati Uniti sono interessati ad avere quelle discussioni con la Cina, allora siamo pronti ad avere quelle discussioni con gli Stati Uniti, ma sulla base del rispetto reciproco in modo da poter aumentare la  comprensione reciproca su tali questioni.

https://www.annabonfrisco.eu/wp-content/uploads/2021/03/BONFRISCO-14.jpg
Bruxelles
Parlamento europeo Bât. ALTIERO SPINELLI 06F371 60, rue Wiertz/Wiertzstraat 60 B-1047 Bruxelles/Brussel
Strasburgo
Parlamento europeo Bât. SALVADOR DE MADARIAGA G06003 1, avenue du Président Robert Schuman CS 91024 F-67070 Strasbourg Cedex